venerdì 24 ottobre 2014 - Aggiornato alle 16:04 - Utenti connessi: 52

Traffic Rank in IT: 24.209

CronacaLa mano di Belforte sui bar ristoro di tre ospedali casertani

I gestori dei bar occupavano i locali illegittimamente e pagavano pizzo alla camorra

La mano di Belforte sui bar ristoro di tre ospedali casertani

Gli occhi della Procura di Napoli ancora una volta puntati sulla sanità casertana: una indagine cooordinata dalla Dda partenopea ha portato i Carabinieri del nucleo investigativo di Caserta a dare esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone. All’attenzione della Procura la gestione dei punti ristoro degli ospedali di Marcianise, Maddaloni e di Piedimonte Matese. I locali in questione, secondo la Dda, sono stati gestiti per anni da privati che non avevano alcun titolo per occuparli.

24/10/2014 di Doralisa Barletta ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Consorzio di bonifica Sannio-Alifano, via libera al conto consuntivo 2013

Consorzio di bonifica Sannio-Alifano, via libera al conto consuntivo 2013

Semaforo verde del Consiglio dei delegati

L’approvazione definitiva del rendiconto della gestione operata nell’ultimo anno dall’amministrazione guidata dal Presidente Prof. Pietro Andrea Cappella è arrivata nella serata di mercoledì, con il voto favorevole di una maggioranza schiacciante che ha visto ben 23 consiglieri dare il via libera al bilancio, mentre appena 3 sono stati i voti contrari espressi dalla minoranza

24/10/2014 di Mariangela Mingione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Provincia di Caserta. Bilancio di previsione 2014, il gruppo dell'Udc vota contro

Provincia di Caserta. Bilancio di previsione 2014, il gruppo dell'Udc vota contro

Consoli: “Tradito il patto con gli elettori. Zinzi dica a quale partito appartenga”

“Alla base della nostra scelta non ci sono soltanto motivazioni di natura politica, bensì anche di natura amministrativa”. Luigi Menditto, capogruppo dell'Udc, motiva così la decisione di votare contro il bilancio di previsione 2014 durante i lavori di oggi del Consiglio Provinciale di Caserta

24/10/2014 di Mariangela Mingione ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Denunciò i suoi estorsori, ma ora sono stati tutti assolti: doccia fredda per Battaglia

Denunciò i suoi estorsori, ma ora sono stati tutti assolti: doccia fredda per Battaglia

L'imprenditore capuano denunciò i suoi aguzzini nel 2001. Il gup ha scagionato Carmine e Pasquale Zagaria

Duro colpo per Roberto Battaglia, l'imprenditore noto per le sue battaglie anti-raccket.  Si è concluso con l’assoluzione di tutti gli imputati, “perchè il fatto non sussiste”, il processo con rito abbreviato, a carico di Carmine Zagaria, Filippo Capaldo, Pasquale Zagaria , Nicola Diana e Ciro Benenati, accusati, proprio da Battaglia, di estorsioni e usura aggravati dall’articolo 7 – metodo mafioso . Stamane il gup Modestino, del tribunale di Napoli ha accolto le tesi e la linea difensiva degli avvocati Letizia, Raucci e Imperato, pronunciando appunto sentenza di assoluzione. I fatti risalgono al 2001, quando per un giro di assegni, Battaglia, titolare di un’azienda bufalina di Capua, il giorno dopo la cattura del boss Michele Zagaria aveva chiese di essere ascoltato dai magistrati della Dda di Napoli, ai quali in un primo interrogatorio del 2 febbraio 2012, aveva riferito di richieste estorsive pregresse da parte del...

23/10/2014 di Antonio Iorio ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Lavitola concorda patteggiamento a 11 mesi

Lavitola concorda patteggiamento a 11 mesi

Processo per corruzione su tentativo estorsione a Impregilo

Valter Lavitola ha concordato con la Procura di Napoli il patteggiamento a undici mesi di reclusione per corruzione internazionale nell'ambito del processo sul presunto tentativo di estorsione a Impregilo. Il reato, relativo a presunte tangenti per appalti a Panama, era stato oggetto di una contestazione suppletiva fatta dal pm Vincenzo Piscitelli in una delle scorse udienze. Il presidente, Giovanna Ceppaluni, ha dunque disposto l'invio dei relativi atti ad un altro collegio. Il dibattimento prosegue per il tentativo di estorsione a Impregilo: Lavitola avrebbe cercato di indurre il colosso industriale a costruire un ospedale a Panama minacciando, in caso contrario, una dichiarazione pubblica di tenore negativo da parte del presidente del Paese centro americano che avrebbe fatto crollare la quotazione in Borsa.

23/10/2014 di Taisia Raio ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Auto in fiamme nella notte a Portici ed Ercolano

Auto in fiamme nella notte a Portici ed Ercolano

Indaga la polizia

Tre auto sono state danneggiate seriamente da un incendio in via IV Novembre a Portici (Napoli). L' episodio è avvenuto intorno alle 2 di ieri notte. La polizia sta indagando sulla natura dell'incendio e non esclude la matrice dolosa. Un analogo episodio è avvenuto il 21 ottobre in via Ortora a Ercolano (Napoli) dove, intorno alle 4.50, le fiamme hanno danneggiato due auto parcheggiate su pubblica via. Indagini sono in corso anche ad Ercolano.

23/10/2014 di Taisia Raio ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Finge violenza sessuale, denunciata

Finge violenza sessuale, denunciata

Operazione dei Cc

Aveva finto un tentativo di violenza sessuale per tentare di riconquistare il fidanzato, ma le immagini delle telecamere di videosorveglianza l' hanno smentita. Una 19 enne di Castellammare di Stabia (Napoli) è stata denunciata dai carabinieri. La giovane si era recata dai militari il 21 ottobre, insieme ai genitori, per denunciare di essere stata aggredita nei pressi dello stadio "Romeo Menti".

23/10/2014 di Taisia Raio ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Scoperta centrale di ricettazione auto di lusso

Scoperta centrale di ricettazione auto di lusso

Ad Arpino di Casoria sequestrato materiale che avrebbe fruttato fino a un milione di euro

Una centrale di ricettazione di parti d'auto scoperta nel Napoletano ai carabinieri. Ad Arpino di Casoria sequestrato materiale che avrebbe fruttato fino a un milione di euro prelevato da un centinaio di auto rubate o rapinate. Il blitz dei militari dell'Arma in un box seminterrato in via Enrico de Nicola dove avevano notato un via vai di persone sospette nel corso di servizi di controllo del territorio. Nella struttura di 900 metri quadrati, i carabinieri hanno scoperto un deposito clandestino organizzato per la ricettazione 'a pezzi' di autovetture di lusso e di grossa cilindrata, in prevalenza Audi e Bmw, ossia decine di motori, cambi (sia manuali che automatici), centraline elettroniche, parti di carrozzeria e degli interni. Ancora da smontare una Smart For Two rubata a Benevento a un 24enne. In dettaglio sono stati rinvenuti e sequestrati: 31 motori e 37 cambi di Audi e Bmw; 37 centraline elettroniche; 18 strumentazioni di bordo (interi cruscotti); 12 car audio; 80 parti di...

23/10/2014 di Matilde Andolfo ... Leggi Condividi la notizia su Facebook

Dialoghi immaginari

Sotto a chi tocca

L' Editoriale

Primo Piano

Ultimi Video

Lunaset sport
A Berna è il prato l'unica insidia per il Napoli

SportA Berna è il prato l'unica insidia per il Napoli

Allo stadio de Suisse gli azzurri giocheranno sull'erba sintetica

Può arrivare soltanto dal prato sintetico dello stadio de Suisse l'unica insidia per il Napoli nel match contro lo Young Boys. Lo ha sottolineato anche il capitano azzurro Hamsik. Erba a parte, però, confrontando i valori sulla carta delle due formazioni, almeno in teoria i partenopei non dovrebbero faticare troppo ad avere ragione di un undici come quello allenato dal tecnico elvetico di origine salernitane Uli Forte