venerdì 24 ottobre 2014 - Aggiornato alle 16:04 - Utenti connessi: 79

Traffic Rank in IT: 24.209

Cronaca

CronacaRapinano una gioielleria, arrestati in cinque

Nel colpo è rimasto ferito il titolare dell'esercizio commerciale

Una rapina con aggressione in una gioielleria di Vitulazio, la Damiani, si è conclusa con la cattura di cinque persone, quattro uomini e una donna, e con il recupero della refurtiva. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri la donna, Zih Gabriela, 45enne Rumena, domiciliata a Castelvolturno, è entrata per prima nel negozio, questa mattina attorno alle 13, con il pretesto di comprare un regalo; dopo di lei sono sopraggiunti tre complici con il volto parzialmente travisato ed armati di pistola che, sotto la minaccia delle armi, hanno costretto il titolare ad aprire la cassaforte dalla quale hanno asportato la somma in contanti di circa 10.000,00 Euro oltre a vari monili in oro in corso di quantificazione. Al tentativo del titolare del negozio di opporsi alla rapina, uno dei malviventi ha sferrato un colpo con il calcio della pistola sulla testa del gioielliere, ferendolo. Subito dopo i malviventi si sono dati alla fuga a bordo di un autovettura Nissan Micra di colore bianco dalla quale poi sono scesi per continuare a scappare a bordo di una Audi A3 guidata da un pluripregiudicato del luogo, Albiano Giuseppe, 53enne. L’uomo è costretto su una sedia a rotelle: alcuni anni fa rimase infatti paralizzato dopo essere stato ferito proprio in seguito ad una rapina. Nonostante la condizione fisica tuttavia ha dimostrato di possedere grandi doti di guidatore, essendo noto anche come appassionato di rally. Con la sua auto ha dato vita ad un rocambolesco inseguimento protrattosi per alcuni chilometri fino al centro di Capua, quando poi è stato circondato dalle pattuglie dei carabinieri. A quel punto, mentre i suoi complici fuggivano a piedi, lui è rimasto in auto e si è lasciato ammanettare. Poco dopo sono stati ammanettati anche gli altri rapinatori, la donna rumena, i pluripregiudicati Michele Vasta, di 51enne e Pietro Tarquini, di 40 anni, entrambi di Castelvolturno e Gaetano Sorano, pregiudicato 25enne di Villaricca.

22/2/2013 | 15:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA Visualizzazioni 74  |  di Doralisa Barletta, autore

Commenta la News

Il mio indirizzo IP sará registrato Invia il commento

Dialoghi immaginari

Sotto a chi tocca

L' Editoriale

Primo Piano

Ultimi Video

Lunaset sport
A Berna è il prato l'unica insidia per il Napoli

SportA Berna è il prato l'unica insidia per il Napoli

Allo stadio de Suisse gli azzurri giocheranno sull'erba sintetica

Può arrivare soltanto dal prato sintetico dello stadio de Suisse l'unica insidia per il Napoli nel match contro lo Young Boys. Lo ha sottolineato anche il capitano azzurro Hamsik. Erba a parte, però, confrontando i valori sulla carta delle due formazioni, almeno in teoria i partenopei non dovrebbero faticare troppo ad avere ragione di un undici come quello allenato dal tecnico elvetico di origine salernitane Uli Forte